Gli Zero si sfidano nel Match Race

Nello scorso week end (18-19 maggio), nelle acque del Golfo, si sono svolte delle regate di allenamento al Match Race organizzate dallo Yacht Club Adriaco. 2 Zero messi a disposizione dagli armatori Genzo e Zlatich, hanno dato ai regatanti la possibilità di sfidarsi. 6 erano gli equipaggi in acqua: 3 rappresentavano i colori dello YCAdriaco e 3 quelli della Società dirimpettaia, la Triestina della Vela (4 membri di equipaggio per singola imbarcazione). L’evento era dedicato ad atleti tra i 14 e i 30 anni di età. Le regate si sono svolte sotto la direzione del Chief Umpire Luciano Giacomi e dell’Umpire Giorgio Davanzo. Luciano Giacomi ha inoltre tenuto una lezione nella serata di venerdì sui fondamentali di questa disciplina tanto affascinante quanto difficile.

Per i regatanti il vento non si è fatto attendere: nella giornata di sabato 12 nodi e sole hanno permesso di portare a termine tutti i voli previsti, domenica invece, a causa del tempo incerto, è stato possibile disputare un’unica prova con circa 14 nodi. Al termine delle regate il Comitato Organizzatore si è comunque dichiarato particolarmente soddisfatto della buona riuscita della 2 giorni triestina suggellata infine da una festosa grigliata.

Clikka su foto 1° giorno foto 2° giorno per accedere alle immagini dell\’allenamento!

Di seguito tutti i nomi dei partecipanti e la classifica finale:

CLASSIFICA FINALE:

1) YCA 1

2) STV 2

3) STV 3

4) YCA 2

5) YCA 3

6) STV 1

 

LISTA EQUIPAGGI (il primo nome è il timoniere):

– YCA 1: Martha Faraguna, Laura della Valle, Marco Vallon, Matteo Cerni

– YCA 2: Davide Carratù, Gianluca Giurco, Simone Primossi, Matteo Giugovaz

– YCA 3: Teresa Pirona, Gaia Ciacchi, Giovanna Gustin, Matilde di Stefano

Riserve: Costanza Rodda, Nicole Grio, Agostino Rodda

 

– STV 1: Fulvio Alessandro, Ilaria Borghi, Alessandro Brezovec, Lorenzo Martinolli

– STV 2: Andrea Picciotto, Riccardo Medveschek, Eleonora Zuzic, Boris Vidajic

– STV 3: Leonardo Distefano, Samuele Tosi, Alessandro Medveschek, Matteo Savio